HOME |  MEMBRI |  FOTO |  REENACTMENT |  INFO SOFTAIR |  E20 |  CONTATTI
Lo Statuto    Tecnica ASG
Lo Statuto
Statuto del Gruppo
HOT SHOTS

Capitolo 1° - Costituzione e Sede


Art.1. Costituzione e Sede
È costituita l’Associazione denominata HOT SHOTS.
L’associazione ha sede in Codroipo in via Paglieri 4 nei locali messi a disposizione da Gregoris Vittorio.

Art.2. Carattere
L’associazione si amministra e determina i programmi nella più assoluta indipendenza dai Partiti Politici, dalla Pubblica Amministrazione, da sette Filosofiche e Confessioni Religiose, senza fini sindacali e di lucro.

Art.3. Scopi
L’associazione ha lo scopo di riunire privati cittadini, nonché appartenenti alle Forze dell’Ordine al fine di promuovere e realizzare attività ludico ricreative, la diffusione del gioco del Soft Air, di organizzare gare tra soci e gare con altre associazioni. Essa dovrà pur mantenere sempre la più completa indipendenza nei confronti degli organi di governo, delle aziende pubbliche e private, delle organizzazioni sindacali. Per il conseguimento delle finalità statutarie, l’Associazione può aderire, ovvero affiliarsi, ad organizzazioni di rilievo nazionale ovvero collaborare con associazioni locali le cui finalità siano complementari a quelle dell’associazione stessa e non siano in contrasto con esse.

Art.4. Patrimonio
Il Patrimonio dell’Associazione è formato:
· Dalle quote sociali e da eventuali contributi volontari degli associati che potranno essere richiesti in relazione alla necessità ed al funzionamento dell’Associazione, la quota sociale è intrasmissibile e non rivalutabile;
· Dai contributi, di enti pubblici o di altre persone fisiche e giuridiche;
· Da eventuali donazioni, erogazioni e lasciti
· Da eventuali entrate per attività e servizi svolti in attuazione degli scopi istituzionali dell’Associazione.


Capitolo 2° - Soci

Art.5. Partecipazione
Possono essere ammessi a far parte dell’associazione in qualità di Soci Ordinari della medesima, previa domanda scritta accettata dal Consiglio Direttivo, tutti i cittadini, nonché tutti gli appartenenti alle Forze dell’Ordine, aventi il godimento dei diritti civili, politici e che non abbiano riportato sentenze penali di condanna per delitti non colposi. Tutti i soci ordinari hanno pari diritti e dignità senza distinzione di sesso, razza, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni personali e sociali. Sono ammessi quali soci onorari tutti coloro che, per particolari meriti morali o finanziari, hanno consentito all’associazione di progredire o incrementare l’attività programmata. Chiunque può essere ammesso in qualità di socio onorario dal Consiglio Direttivo a titolo gratuito ed a tempo indeterminato. Il socio onorario è equiparato ad ogni effetto di legge al socio ordinario, acquisendone parità di diritti e doveri.

Art.6. Ammissione
L’accettazione di nuovi membri viene effettuata dall’Assemblea generale dell’associazione in seduta ordinaria. L’accettazione avviene tramite maggioranza qualificata (tre quarti) dei votanti. Nel caso un membro non voglia o non possa per suoi motivi personali esprimere un giudizio può astenersi dal farlo. Il suo voto non sarà calcolato ai fini del totale. ogni voto può essere delegato, fino a un massimo di tre ad un membro partecipante alla riunione. Ad ogni aspirante membro vengono concesse dalle tre alle cinque partite prima di entrare a far parte dell’associazione. Dopo le suddette partite, nel caso in cui il voto degli associati sia positivo, viene fatta richiesta formale al nuovo membro di entrare nel gruppo. Nel caso di voto negativo il nuovo membro non entra nell’associazione, ma può continuare a giocare previo invito. Ogni nuovo membro è tenuto a versare una quota associativa di 50 euro. La quota annuale per ogni membro, da pagare a gennaio dell’anno stesso, è di 30 euro.

Art.7. Recesso, sospensione, espulsione
L’espulsione di un membro viene effettuata dall’Assemblea generale dell’associazione in seduta ordinaria. L’espulsione avviene tramite maggioranza qualificata (tre quarti) dei votanti. Nel caso un membro non voglia o non possa esprimere un giudizio può astenersi dal farlo. Il suo voto non sarà calcolato ai fini del totale. L’assemblea non è tenuta a comunicare ragioni per l’espulsione. Il Socio può recedere in qualsiasi momento previa comunicazione scritta. La decadenza deve essere pronunciata in ogni caso qualora, trascorsi tre mesi dal termine previsto, l’associato sia ancora inadempiente al pagamento della quota sociale. Chiunque non si attenga alle norme di comportamento indicate dall’Associazione sarà passibile di espulsione immediata.


Capitolo 3° - Organi, funzioni, competenze

Art.8. Organi dell’Associazione
Sono organi dell’associazione:
· Presidente
· Vicepresidente
· Segretario
· Tesoriere
· Consiglio Direttivo
· Assemblea degli Associati
Tali organi sono liberamente eleggibili.

Art.9. Assemblea
L’assemblea è formata da tutti gli associati, ed è convocata dal presidente. Per la validità della sua costituzione e delle sue deliberazioni, in prima convocazione è necessario che siano presenti o rappresentati almeno la metà degli associati e le delibere sono prese a maggioranza semplice. In seconda convocazione l’Assemblea sarà valida qualunque sia il numero degli associati. Tuttavia per le delibere concernenti modifiche allo statuto sarà necessario il voto favorevole di almeno due terzi degli associati. Spetta all’Assemblea deliberare in merito:
· All’approvazione del bilancio preventivo e consuntivo
· All’approvazione del rendiconto economico e finanziario
· Alla nomina del Consiglio Direttivo
· All’approvazione ed alle modifiche dello statuto ed eventuali regolamenti
· Ad ogni altro argomento sottoposto dal Consiglio Direttivo
All’assemblea hanno diritto di partecipare tutti gli associati in regola con il pagamento delle quote sociali. L’associato può farsi rappresentare da un altro associato mediante delega scritta da depositare agli atti. Qualunque sia il valore del contributo dato, ciascun socio che abbia raggiunto la maggiore età ha diritto di esprimere un singolo voto, ex art.2352 2° comma C.C. Ogni associato può al massimo rappresentare tre associati oltre se stesso. L’assemblea è organo sovrano dell’associazione.

Art.10. Consiglio Direttivo
Il Consiglio Direttivo è collettivamente e solidalmente l’unico organismo sociale preposto alla determinazione dell’indirizzo dell’associazione in conformità delle finalità della stessa. Organizza e gestisce tutte le attività necessarie al raggiungimento delle finalità sociali, determina l’impiego dei fondi sociali, determina l’importo della quota di iscrizione all’Associazione e le modalità di versamento della stessa.
Il Consiglio Direttivo è comunque titolare esclusivo circa ogni determinazione sociale di natura economica o patrimoniale.
Il Consiglio Direttivo può proporre modifiche al regolamento Interno dell’Associazione sottoponendole poi all’approvazione dell’assemblea dei soci.
Il consiglio provvede a maggioranza assoluta alla sostituzione per cooptazione di ogni eventuale consigliere dimissionario o cessato, scegliendo il suo sostituto tra i soci dell’Associazione.
Il Consiglio Direttivo rimane in carica due anni e i suoi membri possono essere rieletti, elegge al proprio interno un Presidente un Vice Presidente, un Tesoriere, un Segretario, e un Vice Segretario; Il Consiglio può altresì determinare in ogni tempo altri incarichi specifici ritenuti opportuni nominandone i responsabili tra i propri membri ovvero tra i soci ordinari.

Art.11. Il Presidente
Il Presidente ha legale rappresentanza dell’Associazione verso terzi in giudizio, svolge funzione di pubbliche relazioni che per casi specifici possono essere delegate ad altro consigliere, cura l’esecuzione delle deliberazioni assunte dal Consiglio Direttivo, si adopera per comporre eventuali controversie tra gli associati ovvero tra questi e l’Associazione. Convoca e presiede il Consiglio Direttivo nonché le Assemblee ed in caso di parità il suo voto determina la maggioranza. Il Presidente può proporre il deferimento di un socio al Consiglio Direttivo per l’eventuale adozione dei provvedimenti previsti dall’art.7.

Art.12. Il Vicepresidente
Il Vicepresidente sostituisce il Presidente in caso di sua assenza temporanea ovvero di suo legittimo impedimento temporaneo.

Art.13. Il Tesoriere
Il Tesoriere è responsabile della redazione e della tenuta legittima delle scritture contabili prevista dalla vigente normativa civile e fiscale e controlla, di concerto con il presidente, l’esecuzione delle deliberazione assunte dal Consiglio di Amministrazione in ordine di impiego dei fondi sociali. Provvede anche alla spesa ed all’incasso delle somme di denaro dell’Associazione in esecuzioni delle deliberazioni del consiglio direttivo.

Art.14. Il Segretario
Il Segretario è responsabile della tenuta dei libri sociali diversi da quelli di competenza del Tesoriere, cura personalmente la redazione dei verbali di adunanze del Consiglio Direttivo nonché delle Assemblee sociali, svolge tutte le funzioni di segreteria dell’Associazione rimanendone personalmente responsabile; è assegnatario di tutti i beni sociali e comunque strumentali allo svolgimento dell’attività sociale, rimanendo personalmente responsabile della custodia e della buona conservazione svolgendo l’attività di economo sociale.

Art.15. Compensi
Nessuna carica è retribuita. Il Consiglio Direttivo, può stabilire il rimborso delle spese sostenute dagli associati incaricati di svolgere particolari attività in nome e per conto dell’Associazione, previa consegna di documentazione.


Capitolo 4°. Norme di chiusura e modifiche allo Statuto

Art.16. Scioglimento
L’Associazione può essere sciolta per l’impossibilità di perseguire i fini che si è proposta. In caso di scioglimento il patrimonio sociale sarà diviso tra i soci.

Art.17. Modifiche allo Statuto
Eventuali modifiche al presente statuto, possono essere proposte solo durante l’Assemblea degli associati dai membri del consiglio direttivo e/o da un numero di soci pari ad un quarto degli iscritti. Le modifiche devono essere approvate con maggioranza pari ai due terzi dei presenti. Le deliberazioni sono assunte con voto palese. Le modifiche allo Statuto possono deliberate solo dall’Assemblea riunita in prima convocazione.

Art.18.
Per tutto quanto non stabilito nel presente Statuto si osservano le disposizioni del C.C. Luogo, Camino al Tagliamento 11/05/2007
Il Presidente
Il Vice presidente
Il Segretario
Il Vice Segretario
Il Tesoriere
I Soci per Accettazione:
Graphic Copyright© 2007 by Snake_165